test sidebar Side Area
Title Image

Blog

Folle. Con l’obiettivo di “portare lo spettatore a ricordare quale sia la sensazione di far parte di una moltitudine di persone” è stata allestita la mostra Folle: 26 fotografie scattate tra il 1930 e il 1980 che mostrano momenti di aggregazione. Continua a leggere..

Ad oggi vedere persone ammassate, dopo quasi un anno in cui abbiamo seguito il distanziamento fisico come forma di protezione, può provocare un certo straniamento, o una certa malinconia. Con l’obiettivo di “portare lo spettatore a ricordare quale sia la sensazione di far parte di una moltitudine di persone” è stata allestita la mostra Folle: 26 fotografie scattate tra il 1930 e il 1980 che mostrano momenti di aggregazione. Le immagini sono state selezionate dal vasto materiale dell’Archivio Publifoto di Intesa Sanpaolo da Ilaria Bonacossa, direttrice di Artissima, e Barbara Costa, responsabile dell’archivio di Intesa: si possono vedere su una piattaforma online dedicata, qui, fino al 9 gennaio 2021. Una versione ridotta della mostra è stata allestita anche alla GAM (Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea) di Torino, dove sarà possibile visitarla in futuro, compatibilmente con eventuali riaperture in Piemonte stabilite da prossimi decreti sul coronavirus (al momento è una delle regioni che più stanno soffrendo la seconda ondata dell’epidemia).